Home /  È sempre necessario rimuovere i denti del giudizio?

0

È sempre necessario rimuovere i denti del giudizio?

By Implantologia PrezziIn standard8th marzo, 2017

Quasi tutti ormai si sottopongono a quello che col passare del tempo è diventato un vero e proprio rito, rimuovere i denti del giudizio. Ma è davvero necessario rimuovere sempre questi denti?

Non sono poche le persone che pur avendo tutti e quattro i denti del giudizio ancora al loro posto, non hanno mai avvertito alcuna necessità di toglierli.

In realtà, è compito esclusivo del dentista avvertire il paziente circa la necessità di rimuovere questi denti dall’osso, operazione che si rende inevitabile quando occorre uno dei seguenti casi: quando il dente è attaccato alla mandibola ma la sua crescita potrebbe arrecare danno ai denti vicini; quando il dente esce soltanto per una piccola porzione dalla gengiva, situazione che può causare l’insorgenza di carie, infezioni e persino della malattia parodontale; quando il dente causa problemi alla gengiva quali dolore, infezioni e gonfiore; se la forma e la posizione dei denti del giudizio causano problemi alla masticazione ed ostacolano il normale movimento della mascella.

Al contrario, è sconsigliato togliere i denti del giudizio se la loro presenza non origina alcuna delle situazioni appena descritte e non ostacola in alcun modo lo sviluppo dei denti più vicini.

Come vengono rimossi i denti del giudizio?

Se prima di sottoporvi all’intervento di rimozione dei denti del giudizio avete voglia di sapere qual’è la procedura prevista, continuate a scorrere le righe di quest’articolo.

Dopo aver effettuato gli esami richiesti, normalmente il dentista illustra al paziente le opzioni circa l’anestesia per la quale optare e i vari step di cui si comporrà l’intervento.

Dopo aver anestetizzato l’area interessata, il dentista apre i tessuti che circondano il dente da rimuovere ed estrae tutto ciò che crea fastidio o potrebbe crearne in futuro (oltre al dente in questione, eventuali schegge o sacche di pus).

Ad operazione terminata il dentista si appresta a richiudere il tessuto gengivale con alcuni punti di sutura. Se la ferita dovesse provocare dolori e gonfiore, sarà necessario ricorrere ad impacchi di ghiaccio da poggiare sulle guance, allo scopo di diminuire il fastidio provocato dall’operazione.

Sarà molto importante osservare un periodo di riposo ed astenersi completamente da qualsiasi attività fisica particolarmente faticosa per almeno un paio di giorni. Sarà opportuno anche evitare di fumare, assumere bevande gassate, frutta a guscio, cibi salati e masticare dal lato della bocca interessato dalla ferita.

Dopo due o tre giorni dall’operazione, i miglioramenti dovrebbero essere evidenti ed il fastidio generato dall’intervento quasi completamente cessato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy